Hai bisogno di aiuto?

Non esitare a contattarci, saremo in grado di rispondere a tutte le tue richieste.

CHI SIAMO

Sono Giulia Borgherese, sociologa esperta in processi organizzativi, madre di Anna. La mia carriera professionale e lavorativa inizia occupando diverse posizioni intercettate seguendo le opportunità e le segnalazioni. Ricordo con affetto l’amica che mi aiuta a compilare frettolosamente il mio primo scarno Curriculum Vitae, “tanto non lo leggono mai!”. Nel web, quindici anni fa, circolano pochi siti per la ricerca e la selezione di candidati senza esperienza ed io trovo poche opportunità di lavoro come stagista, con scarsa retribuzione e solo al Nord. Nel 2004 , raggiungo Milano per il mio primo impiego, mantenuta da papà. A Roma, due anni più tardi, il secondo lavoro: sopravvissuta grazie all’appoggio logistico dei fratelli. I primi anni, senza guida e senza esperienza, abito il mondo del lavoro, tanto atteso e rincorso, utilizzando il tempo nell’esecuzione di ordini impartiti, spesso senza ragioni, annoiandomi, con poche e frettolose pause, con straordinari non retribuiti, fantasticando di un ipotetico contratto a tempo indeterminato. Quest’ultimo rappresenta, all’inizio, una méta così ambita che, ingiustamente, mi ritengo una fallita, precaria nel lavoro e nell’esistenza, addestrata a stare buona, a ritenermi fortunata e a ringraziare per l’attività svolta. Riconosco che per molti, oggi, la situazione è immutata. Sì, il mio esordio professionale non è stato luminoso: nei primi anni del nuovo secolo, in Italia, capisco, infine, che, oltre la laurea, è richiesta la specializzazione. Nel 2007 approdo nell’azienda Network Contacts ed inizio un percorso che mi conduce velocemente nell’ambito della gestione del personale, che ricordo e ritrovo nei testi di organizzazione aziendale.  Al mio arrivo non esiste un

ufficio del personale, perché la società è giovane e ancora disorganizzata. L’area Gestione Risorse Umane si riconosce e si struttura assieme alla mia crescita e alla specializzazione in Gestione e Amministrazione del Personale. Seguo le attività di selezione, formazione e valutazione del personale della Network: circa duemilacinquecento persone. Attraverso le ricerche e le esperienze, scelgo e propongo una visione, del lavoro e dell’azienda, centrata sulle persone. Inizio a creare e ad agire relazioni, a credere nella consapevolezza di sé e del proprio ruolo. Durante i corsi di formazione per il personale di linea e di staff, parliamo di libertà, di Adriano Olivetti, di pensiero laterale, di burn-out, di giochi psicologici. Apro, infine, alla valutazione del potenziale con gli assessment center, prevedendo autovalutazione e condivisione dei risultati. Le situazioni, le opportunità, le esperienze cambiano, ma riconfermo il desiderio e la necessità di contribuire a trasferire nel mondo aziendale la nuova antropologia appresa, la metodologia che prevede di accompagnare le persone verso l’espressione di sé, scoprendo la propria scatola di colori, le modalità e gli strumenti per utilizzarla. Nelle organizzazioni, spesso, rilevo l’assenza del pensiero, della parola e dell’azione intorno alla Gestione delle Risorse Umane . Risorsa, capitale, unità: ogni lavoratore e ogni lavoratrice può essere efficace in quanto persona felice, può essere efficiente seguendo tempi e modalità diverse, può condividere la mission, attraverso la comprensione del senso del lavoro e dell’esistenza.

Segui le nostre news

Rimani sempre aggiornato sulle ultime informazioni e scopri tutti gli aggiornamenti