Hai bisogno di aiuto?

Non esitare a contattarci, saremo in grado di rispondere a tutte le tue richieste.

CONSULENZA ORGANIZZATIVA

“La gestione manageriale non opera come un flusso di informazioni che salgono attraverso una serie di filtri
e un secondo flusso di decisioni e di istruzioni che scendono attraverso una serie di ripetitori”

(Burns 1957).

L’analisi e la diagnosi aziendale, realizzate immergendosi, vivendo con le persone che lavorano a tutti i livelli in un’impresa, aiutano ad individuare le zone d’ombra percepite come freni, lungaggini, fratture, entropia e le zone di luce che rappresentano la forza di un’organizzazione. Le analisi descrittive sono utili per comprendere e condividere il problema, non per risolverlo. La soluzione è autentica e resistente quando è il gruppo stesso a trovarla, all’interno dell’azienda. La proposta di Borgherese Consŭlěre  è avviare percorsi di pensiero in cui la comunità, attraverso la consapevolezza di sé, sceglie di incamminarsi verso il divenire possibile. Per realizzare e rinnovare processi e dinamiche aziendali, rendendoli efficaci ed efficienti è utile lavorare con le persone, al servizio dell’impresa, fungendo da lente d’ingrandimento, capace di evidenziare,

attraverso metodi e strumenti personalizzati, le strade percorribili per attivare cambiamenti. Crediamo nell’impresa che attraverso la propria capacità di comprensione e di scelta, resta competitiva sul mercato in continua evoluzione. La cooperazione e il confronto originano crescita e cambiamento, a differenza della concorrenza spietata che causa paure e comportamenti nevrotici. Le menti pensanti sono vigili, reattive, creative in una parola vive. Noi vediamo l’organizzazione come un posto dove essere felici, non solo dove realizzare e percepire un reddito, per questo siamo orientati a mettere le persone e le relazioni al centro dell’organizzazione. Mintzberg ricorda che “se trattassimo tutte le organizzazioni allo stesso modo commetteremmo la stessa assurdità di un oculista che volesse prescrivere a tutti gli stessi occhiali”.